Select Page

Il Feng Shui è una disciplina che studia e applica teorie per canalizzare e sfruttare l’energia positiva di un ambiente all’uomo. Nel Feng Shui e le direzioni ogni asse cardinale ha la sua energia benefica, specifica di quella direzione. Così come ciò che ci circonda ed è posto davanti, dietro a destra o a sinistra rispetto a noi (posizione degli animali celesti).

Diventa quindi importante, in un progetto di Interior e Feng Shui, armonizzare l’ambiente secondo le direzioni per ottenere i massimi benefici.

In questo articolo vedremo alcuni aspetti e teorie del Feng Shui e le direzioni, tra cui un accenno ai quattro animali celesti, al Ba Gua e al metodo dei Berretti Neri.

Scopriremo come la scelta di un posto a tavola o della scrivania e l’orientamento del mio sguardo o testa possono condizionare la situazione, il mio atteggiamento e propensione, e il mio benessere.

Progetto Armonia armonizza gli ambienti con le tecniche Feng Shui scopri di più qui.

Le direzioni e i 5 Elementi

I 4 Assi Cardinali

Per analizzare e sfruttare l’Energia benefica, gli antichi cinesi hanno creato sistemi di analisi del movimento dell’energia in modo sempre più raffinato attualmente utilizzati nel Feng Shui. Tra questi nasce il rapporto che i 5 Elementi hanno con gli assi cardinali (quattro assi più il centro) e con le otto direzioni spaziali (Luo Pan).

Per quanto riguarda gli assi cardinali il Feng Shui colloca una energia molto attiva a Sud, il fuoco, e una molto tranquilla a Nord, l’Acqua. A Est, dove nasce il sole, troveremo una energia che cresce ed è in divenire, come il Legno. A Ovest una più concreta come quella del Metallo. Ed infine una energia stabile al centro, ovvero la Terra.

I 5 Elementi, in questa “posizione”, muovono l’Energia in cicli attivi e in cicli di controllo che creano armonia ed equilibrio tra gli stessi.

Nel Feng Shui, questa relazione tra Elementi e assi cardinali, è utilizzata per analizzare il rapporto tra, per esempio, un’abitazione e la morfologia del quartiere, città e vista che la circonda.

Le 8 Direzioni spaziali

Se invece guardiamo il Feng Shui e le direzioni in un rapporto più “intimo”, cioè quello che potrebbe avere un ambiente in rapporto ad una persona, il Feng Shui utilizza un’analisi più dettagliata dividendo lo spazio non più in 4, ma in 8 direzioni spaziali, ovvero: Sud, Sud-Ovest, Ovest, Nord-Ovest, Nord, Nord-Est, Est e Sud-Est. Anche con questo schema però, l’Energia e i 5 elementi hanno la stessa “posizione” e muovono l’energia in cicli attivi e di controllo.

Feng Shui e le direzioni - I 5 Elementi e Assi Cardinali

Feng Shui e le direzioni – I 5 Elementi e i 4 Assi Cardinali

Feng Shui e le direzioni - I 5 Elementi e le 8 direzioni sapaziali

Feng Shui e le direzioni – I 5 Elementi e le 8 direzioni sapaziali

Il Feng Shui e le direzioni: i 4 animali celesti

Montagne, colline e pianure

  Una buona analisi Feng Shui parte sempre dallo spazio che circonda o circonderà la casa. Un tempo, una buona ubicazione era in relazione a una precisa collocazione tra colline, pianure, montagne e corsi o bacini d’acqua. Oggi, con l’urbanizzazione, l’analisi Feng Shui dovrà anche comprendere, necessariamente, anche ciò che circonda o circonderà la casa che ha costruito l’uomo. Un’autostrada, per esempio, sarà equivalente ad un fiume e un grattacielo ad una montagna.

Quindi, nella valutazione Feng Shui di una casa in un contesto, un fondamento basilare è l’individuazione delle creature celesti nell’ambiente circostante e la loro direzione. Gli animali celesti sono: La Fenice, la Tartaruga Nera, il Drago Verde, la Tigre Bianca e il Serpente.

A parte il Serpente, che viene posto al centro delle forze ed è sempre presente, i quattro animali celesti restanti dovrebbero sempre essere orientati in modo tale che il flusso di energia sia a spirale in senso orario rispetto al punto di osservazione o a chi risiederà al centro di queste forze.

Il flusso di energia a spirale

Questo flusso a spirale in senso orario è possibile solo se sul retro o dietro ci sarà la Tartaruga Nera, la montagna – quindi forme alte e massicce (grattacieli) – ; di fronte la Fenice, un’ampia distesa – strutture piatte o vista a perdita d’occhio-; il Drago Verde a sinistra che simboleggia colline lunghe e sinuose – strutture alte, ma non puntuali come singoli palazzi o grattacieli – ; e a destra la Tigre bianca, una collina o roccia, ma meno sinuosa, continua e alta del Drago Verde – una complesso di villette, per esempio -. Se non fossero posizionate in questo modo o se uno dei quattro animali celesti mancasse, è sempre possibile attuare dei correttivi per migliorare il flusso.

Infatti, queste forze possono essere viste, per analogia, come i 5 Elementi con tutte le loro valenze e relazioni. Quindi la Tartaruga Nera è l’acqua, la Fenice il Fuoco, il Drago Verde il legno, la Tigre Bianca il metallo e il Serpente la Terra.

Vi sono poi diverse scuole di pensiero del Feng Shui e le direzioni per classificare i quattro animali celesti e la loro relazione con lo spazio. Inoltre l’analisi di questi può essere scalata anche per correggere la disposizione degli arridi o dei complementi e accessori all’interno di una cosa o ufficio.

Non perderti la seconda parte dell'articolo

scopri di più sui Berretti Neri